Elena @Paratissima 2016

14971646_10209446938585036_184187856_o

Sabato 5 novembre 2016, ore 19: inizia la mia avventura a Paratissima Torino 2016, ospite del celebre architetto e designer Hussain Ali Harba. Arrivata in location, mi avvio verso il backstage dove lo staff si dedica al mio trucco/parrucco e dove posso ammirare le borse create dall’architetto che, di li’ a poco, sarebbero andate in passerella. Pellami che vanno dal cocco alla lucertola, con dettagli in bambù o toro martellato nei più svariati colori, sono tra le mani delle modelle che sfileranno insieme a me, in un total look black proprio per esaltare i colori e l’architettura (perché di vero e proprio design si parla) delle borse.

La protagonista e’ sicuramente la House-bag, ultima nata in casa Harba, ma in passerella sfileranno anche le cartelle da uomo e la borsa Harba che e’ ormai diventato un classico ed ha gia’ ricevuto molti riconoscimenti dalla critica nazionale. Ultima ma non ultima in fattore di importanza e’ la seduta realizzata in tinta unita o multicolor, cui l’architetto tiene in modo particolare: sia perché ha partecipato con questa creazione a molte aste internazionali, sia perché e’ un richiamo alla sua terra madre, la Mesopotamia.

L’architetto Hussain Ali Abbass è giunto in Italia alla fine del 1980.
Nel 1981 si è iscritto all’Università di Perugia per perfezionare la sua conoscenza della lingua italiana.
A novembre del 1981 si è iscritto al Politecnico di Torino, Facoltà di Architettura, dove si è poi laureato.
Dopo la laurea, ha iniziato a lavorare nel campo progettazione e direzione lavoro per giungere in poco tempo a crearsi un proprio settore dominante.
Nel 1997 fonda “La Triart Pubblicità”, una realtà rara nella quale si associa creatività, design e produzione.
I clienti sono stati i più grandi gruppi internazionali.
Dal 1997 ad oggi sono stati prodotti oltre 160.000 articoli.
Nel 2001 l’azienda è stata premiata con il “Premio Italia che Lavora” come tra le migliori aziende a livello nazionale che si è distinta nel campo pubblicitario.

with love, Elena



Post a new comment