cristel diary: capri.

image-10

Il 4 Luglio è una giornata importante per gli Stati Uniti perché rappresenta il giorno dell’indipendenza, ed ogni anno, in America, viene festeggiata con grandi grigliate all’aperto e sfarzosi fuochi d’artificio. Quest’anno l’ho festeggiata a Capri che era addobbata all’occorrenza con tante bandierine e vetrine dai colori rosso, bianco e blu per i numerosi turisti americani che ogni anno inondano la graziosa isoletta. Sentendo in modo particolare la mia metà americana, per il giorno indossavo un pareo in onore della bandiera a stelle e strisce.
Per il fine settimana caprese abbiamo affittato la barca tipica caprese chiamata “gozzo”, il nostro marinaio era di una simpatia contagiosa, tipica degli abitanti di Capri. Pazientemente ha portato me ed i miei amici intorno all’isola mostrandoci gli angoli più belli e cercando in vano di offrirci vino e prosecco a mezzogiorno, quando volevamo solo acqua per combattere il caldo afoso.
Quando si va a Capri bisogna tener conto di una cosa: s’adda magnà! L’isola infatti ha, a mio avviso, tra i ristoranti più buoni d’Italia se non il mondo. Tra i miei preferiti c’è il famosissimo “Da Paolino” anche conosciuto come “il ristorante dei limoni” perché i tavoli sono predisposti all’interno di un limoneto che sembra quasi finto per quanto sono gialli e grossi i propri limoni. Piatto forte di questo ristorante è “La Bomba” ed è un bomba in tutti sensi: mozzarella in involucro di frittura servito con una salsa di pomodoro così buona che ci vorrei riempire la mia vasca da bagno. Ho dovuto dimenticare delle mie regole anti glutine e anti frittura e ho divorato sia la bomba che due primi! Verso la fine della cena un tavolo ha iniziato ad intonare la canzone napoletana “T’Aggia Voluto Bene” e dopo poco anche il tavolo accanto si è unito al coro, finchè l’intero ristorante ha incominciato a partecipare cantando tutti insieme in napoletano, me compresa!
Non si può andare a Capri senza fare due salti alla rinomata Taverna Anema e Core, ci vado da quando sono piccola e appena mi vede Guido Lembo, il famoso cantante del locale, mi forza a salire sul palco dove puntualmente prova a stamparmi un bacio in bocca. Cosa che eventualmente ho dovuto fare davanti al locale gremito di gente! Bravissimi i musicisti che ogni sera suonano dal vivo le canzoni italiane più famose, coinvolgendo a cantare e ballare anche la mia amica che non conosceva mezzo brano italiano!
Insomma, sono tornata con la pancia decisamente piena di pasta e mozzarella ed il cuore pieno di gioia e di canzoni. Magica Capri!

Un bacio a tutti e alla prossima :-)

xoxo

Cristel

The 4th of July is a very important day for the US because it represents the day of independence and every year it is celebrated with big outdoor barbecues and lavish fire works. This year I celebrated it in Capri, which was adorned with little American flags and the shops’ windows were all decorated with red, white and blue colors in honor of the many American tourists that flock the gracious little island every year. Feeling my American half particularly strong that day, I wore a little cover up with stars and stripes to honor my half-nationality.
For the weekend we rented a little boat that is typical of Capri called the “gozzo” and our sailor was particularly funny and patients took us around the whole island, showing us its’ little beautiful corners and trying in vain to offer us wine and prosecco at noon when all we wanted was to guzzle water against the smoldering heat!
When one goes to Capri, it must be taken into account that you gotta eat! In my opinion, the island has some of Italy’s best restaurants, if not the world’s. Among my favorites there is ” Da Paolino” also know as ” The Lemon Restaurant” as all the tables are situated among a lemon tree garden with huge bright yellow lemons hanging from the trees so much that they look fake. The most renowned dish is ” La Bomba” and it is a bomb in every way: mozzarella wrapped up in fried dough served with an incredible tomato sauce, so good I want to fill up my bath tub with it. Towards the end of the dinner a table started singing the famous Napolitan song ” T’Aggia Vouto Bene” and shortly after, the next door table began singing as well until the whole restaurant started adding to the growing choir, me included! 😉
You can’t go to Capri without doing a couple of dances at the renowned ” Taverna Anema e Core”, I’ve been going since I was very little and the resident singer of the club always pulls me up on the stage to try and kiss me on the lips, something that I eventually end up doing right on the stage in front of a huge crowd! The musicians of the band are always great and get the entire club singing, even my friend who didn’t know any of the italian songs was clapping and singing along!
So in the end I left Capri with a belly full of pasta and mozzarella and my heart full of Joy and Songs. Capri is magical!

xoxo

 

image-12

image-11

image-9

image-7

image-5

image-20

image-19

image

image-2

image-3

image-8

 

image-13

image-14

image-16

image-17



14 comments

  1. Ciao Cristel ma fatti un blog tuo!!!
    Hai una vita cosi interessante!
    Mai noiosa cosi ci puoi dare dei consigli!!!!
    Bellissimo il post!
    Complimenti!!!!

    1. Grazie Lully!! Sei una chiaroveggente?? Ci sto lavorando da qualche mese e tra pochissimo lancio il mio sito! :-))

      Elena non hai messo le foto con il vestito bianco mia Sfondyy!!!

  2. Amo Capri e in comune abbiamo anche gli stessi ristoranti preferiti, che come te frequento sin da bambina. In quest’isola tutto è magico, partendo dai tipici negozi dove ogni volta mi immergo in sedute di shopping che si fanno ancor più rilassanti e scacciapensieri del solito, fino ad arrivare al dopocena dove ci si perde tra colori, luci e suoni che i locali dell’isola e, come nel caso dell’Anema e Core anche i ristoranti, offrono. Non penso esista un luogo migliore per passare un we all’insegna del relax e del divertimento con degli amici 😉
    Auguri per il blog Cris!!

  3. IO SONO STATA AD ISCHIA E CAPRI E SINCERAMENTE HO FATTO CASO A MOLTI GATTI E CANI RANDAGI.
    UNA PENA INFINITA.
    AL DI Là DEI LUSTINI, DEI FINTI VIP, DEI LOCALI, ECC ECC, MI VIENE LA NAUSEA A VEDERE STI POVERI ANIMALI.
    Sarà Perché IO AMO GLI ANIMALI IN TUTTE LE LORO FORME.
    DI QUESTE ISOLE RICORDO SOLO QUESTO.
    MAI Più..

  4. AH UNA COSA, LA PIAZZETTA DI CAPRI UNA COSA IMPOSSIBILE.
    LA COSTA SMERALDA A CONFRONTO è ROBA DA RIDERE.
    C’è UNA SUPPONENZA IMPERANTE. TRA LABBRA DI SILICONE E SEDERI DI GOMMA, SEMBRAVA IL MUSEO DELLE CERE.
    MEGLIO MILLE VOLTE LE MIE ADORATE ISOLE GRECHE.
    NON ESISTE PARAGONE.
    I LOVE GREECE

  5. Ciao Cristel! Dolce, simpatica e anche viaggiatrice molto accurata nel descrivere i posti visitati. ,Mi piace molto questa collaborazione che hai con Elena alla quale somigli pe la luce e per i colori oltre che per lo stile. Vi vedo molto bene come amiche e sono molto contenta che abbia deciso anche tu di aprire in blog. Auguri!!

  6. Quanto è bella ed elegante questa ragazza!! Aspettiamo il tuo blog con ansia, sarà sicuramente stupendo!!! continuate cosí ragazze, è bello vedere questa vostra amicizia!

Post a new comment