Genny: a breeding ground for talent

 ANGELIKA-+1993-GENNY-VOGUE-SPIRIT-SCAN

 Genny nacque nel 1962 dal genio di Arnaldo Girombelli e della sua futura moglie Donatella Ronchi, che riuscirono a trasformare una piccola azienda marchigiana in un marchio internazionale.
Nel 1968 fu aperto il primo stabilimento e nel 1973 fu assunto l’emergente stilista Gianni Versace. Al giovane calabrese, primo di una lunga serie di giovani stilisti che debutteranno nell’azienda, seguirono i promettenti Dolce&Gabbana, Christian Lacroix e Richard Tyler, tutti capaci di portare quella ventata di irriverente talento che permise il successo della maison.
Già nella seconda metà degli anni 80, grazie all’intraprendenza di Donatella Ronchi, il marchio Genny conquistò gli USA, consacrandosi definitivamente negli anni 90’, quando allargando la produzione a profumi, accessori e
scarpe conquistò il mercato globale.
Dopo l’infelice parentesi degli anni 2000, sotto l’egida del gruppo Prada, nel marzo 2011 il controllo del marchio Genny passò al gruppo veronese Swinger International e la direzione artistica venne affidata ancora una volta ad un giovane stilista, Gabriele Colangelo, che scelse proprio Genny per imporsi nel circo della moda.
Senza mai rinunciare ai suoi principi di estrema femminilità, eccelsa qualità del prodotto e precisione sartoriale, Genny, che ha mostrato sin dagli anni 60’ la capacità di adattarsi all’evoluzione dello stile, nel terzo millennio riporta in auge proprio quell’eccentrica, raffinata e sofisticata sensualità  tipica degli anni 80’ e 90’.

Genny was born in 1962 by the genius of Arnaldo Girombelli and his future wife Donatella Ronchi, who managed to turn a small business into an international brand Marche.
In 1968 the first factory was opened in 1973 and was hired the emerging fashion designer Gianni Versace. At the young Calabrian first of a long series of young designers who will debut in the company, followed by the promising Dolce & Gabbana, Christian Lacroix and Richard Tyler, all able to bring that breath of irreverent talent that enabled the success of the house.
In the second half of the 80s, thanks to the initiative of Donatella Ronchi, the brand Genny conquered the U.S., dedicating definitely in the 90 ‘, when expanding production in perfumes, accessories and
shoes conquered the global market.
After the unfortunate parenthesis of the 2000s, under the aegis of the Prada Group, in March 2011 the control of the brand passed to the Genny group Verona Swinger International and the artistic direction was entrusted once again to a young designer, Gabriele Colangelo, who chose its Genny to establish itself in the fashion circus.
Never give up his principles of extreme femininity, excellent product quality and precise tailoring, Genny, who showed early 60s’ ability to adapt to the evolution of style, in the third millennium brings back its quell’eccentrica, refined and sophisticated sensuality typical of the 80 ‘and 90′.

With love Elena

a1ea3e71705551053a8745480d42407d-1

e6d0aa0c6aa3c80f70273af968ca0005d77c5da8ab4ca39d9ec0ecf5e4ac4079

b192eeb6ade8a67d131d9592fb5b7e7fcba2d27d3b2dcde2d312c6267938e10d

3a94385e3714adc4edf49f065f3a8c98

1687eadb3760389191f29112e0149aac

0e3572c58013e7f8d5da64134cd920b4

84445fb74e915e9f0fb1d0a24c5f7b29

e9e4172539be0347c5a86343216cd4a0

07ea54d0d344ed2cf58420d9c58ac521

12616fdc6241caa945bcfe2206b8b78e

fa6e1d00230fa115bd01d220f22ae7bc

92a5c40caf8d0220b37f155131b04ffe

5effda5cb293a53e148393979c2f294b

c4b8e02e785675038a918bb844c960e419cff18d0289405c91286fb20e81c5d5

2f3d6339c4ee00752121473858c664062434fda1c6167613aa3d5c834b1e6608

a7aed39c082c72e616e8f5861920a479

c9070539d15f5a711f55ef7ac6ed9ac9

0fb4a0b831c7cbe6f37f98e64da1bb45

Genny004 (Large)

FacebookTwitterGoogle+Pinterest2


12 comments

  1. Bravaaaa!!! Adoro Genny. L’ho indossata tanto negli anni ’80. Era il mio marchio preferito assieme a Moschino. E’ elegante, essenziale ed usa tessuti sempre molto azzeccati per ogni tipi d’abito. Non so se l’hai capito ma io credo che Genny sia il mio marchio preferito in assoluto!!! grazie.

  2. A me non mi hai fatto impazzire, forse perchè negli anni 80 ero ancora piccolina o forse perchè quando, avrei avuto l’età giusta per apprezzarlo, era il periodo che me ne andavo in giro con fuseau e Dr Marteens.

  3. Adooooro!!! Ho lavorato tanto con loro! Gli ho prodotto tantissimi bottoni in madreperla quando erano ad Ancona! Ho ancora i cataloghi degli anni 90 con le foto degli abiti Genny coi miei bottoni! Grazie Elena che mi hai fatto ripensare a tempi magici :-)

  4. Sono marchigiano e alle Marche appartengono molti marchi famosi in Italia e nel mondo =) dal settore dell’abbigliamento a quello delle calzature in particolare…marchigiani ad esempio sono Paciotti e Della Valle…ma l’elenco è lungo…Ora mi vengno in mente anche le borse Cromia della Laipe spa (nella mia città, Tolentino) …iGuzzini Illuminazione…Ariston Thermo group…la Poltrona Frau (con sede anch’essa a Tolentino) …le cucine Lube…fino alla Raibow di Straffi, creatore delle fatine Winx…ah, e i giochi Clementoni ve li ricordate?

  5. Mi piace un po’ tutto, linee pulite, essenziali, raffinate, mi ricorda molto Jil Sander.
    Sempre interessanti questi post. Continua così!

Post a new comment