Chanel n.5

 chanelmonroe

Il re dei profumi? E’ sicuramente Chanel n.5. Divenuto ancora piu’ celebre negli anni ’50, dopo che Marilyn pronuncio’ la celeberrima frase: “Cosa indosso per dormire? Due gocce di Chanel n.5”, il profumo per eccellenza, venne poi usato da milioni di donne dal suo lancio negli anni ’20. Ma cos’era che differenziava Chanel dagli altri profumi? Sicuramente il suo profumo artificiale: Madame Coco, era la regina dell’artificio. Dai gioielli falsi al profumo, appunto, che le ricordava il sapone che utilizzava da bambina. Il segreto del suo successo, fu appunto la sua durata sulla pelle (dovuta alla sua nota di testa-artificiale), la sua boccetta semplice, che ricordava quella dei medicinali e l’astuzia di dare il suo nome al profumo. Chi non avrebbe ricordato questo nome? Da li’ in avanti, tutte le case di moda copiarono a ruota: a partire dalla Schiaparelli, the house of Worth e ultimo, ma primo nelle vendite, il grande Dior con Miss Dior nel ’47. Dagli anni ’60, periodo in cui ci fu la nascita delle compere al duty free degli aeroporti, le vendite dei profumi si impennarono, complici anche le campagne pubblicitarie ad alto tasso erotico (vedi Obession e Ck one di Calvin Klein), ma Chanel restera’ per sempre unico ed inimitabile. Forse semplicemente perche’ il primo.

The King of perfumes? It ‘s definitely Chanel No. 5. It become even more ‘famous in the ’50s, after Marilyn pronouncethe famous phrase: “What do I wear to sleep? Two drops of Chanel n. 5“, the perfume par excellence, was later used by millions of women since its launch in ’20s. But what was it that differentiated Chanel from other perfumes? Surely its artificial fragrance: Madame Coco, was the queen of artifice. From jewelry to false scent, in fact, that reminded the soap she used as a child. The secret of its success, was precisely its duration on the skin (due to its top noteartificial), its simple bottle, which resembled that of medicines and cunning to give her name to the perfume. Who would not remember the name? From there ‘on, all the fashion houses copied the trend: from Schiaparelli,to  the house of Worth and last, but first in sales,  the great Dior Miss Dior in ’47. Since the 60s, a time when there was the birth of shopping at the airport in the duty free shops, sales of perfumes reared, also because of the advertising campaigns to highly erotic (see Obession and Ck One by Calvin Klein), but Chanel will remain forever unique and inimitable. Perhaps simply because ‘the first.

with love, Elena

audrey-tautou-for-chanel-no5-1

tutte-le-icone-chanel-n5-warhol09_avorigb

tutte-le-icone-chanel-n5-warhol01_avorigh

tutte-le-icone-chanel-n5-n51937kollar600dpi1081_avorigh

tutte-le-icone-chanel-n5-carolebouquetn51993_avorigh

tumblr_lk14igAJbp1qa99f3o1_500

20110218131718-chianel5edp

199910ChanelLaeititaCastaNo5

1999_a_HR_warren

1975_C_DENEUVE

1966_HR_mcgraw

perfume2

Nicole-Kidman-Chanel-005

nicole-chanel

n5_chanel_reference

estellawarren

chanelno5_vintage_ad

chaneln5

Chanel-no-5-fragrance-campaign-History-Glamour-Boys-Inc-05

chanel-n5-adv

(FILES): This 02 May 2005 file photo sho

chanel_no5_1969_carol_bouquet

Chanel vintage no.5 advertisement

chanel

Candice Bergen 1967 Chanel

brad-pitt-e-chanel-n.5_650x435

 



12 comments

  1. Con questo post non potevi farmi regalo migliore! Io per problemi di allergie posso usare solo Chanel n5 Eau Premiere, pensa che forunata!! Lo uso da anni e non potrei mai rinunciare alla famosa goccia di profumo, che rende una donna completa e magica. Essendo poi adoratrice del marchio Chanel, adoro tutto ciò :) Insomma, Chanel mon amour!! Grazieeeeee eleee

  2. Senza altre definizioni il top! Mi riporta sempre al bellissimo spot di Luc Besson con Estella Warren nella parte di Cappuccetto Rosso, Le Loup credo si chiamasse… :)

  3. Anche per me, e’ stato il primo profumo, nel corso degli anni non l’ ho mai abbandonato ogni tanto lo alterno ad Allure Sensuelle, a Paris YSL ed a Montale….ma chanel n5 rimane il mio preferito

Post a new comment