Perfumes’ secrets…

creed boutique

Oggi vi voglio parlare dei profumi… Ognuno di noi ha il suo preferito: io amo “Miss Charming” di Juliette has a gun, mi piace anche molto, come vi ho già raccontato qualche post fa, “Candy”di Prada, ma questo post voglio che sia dedicato alle curiosità sulla nascita e l’uso dei profumi. Lo sapevate che al tempo degli antichi egizi, le donne usavano portare sul capo un cono di grasso profumato che durante tutto il giorno “colava” letteralmente sui capelli e l’epidermide per renderli profumati e morbidi? Un’amante dei profumi era proprio Cleopatra, che prima dei suoi incontri con Marco Antonio, faceva profumare del suo profumo, le vele della sua nave. Se invece siete amanti del “musk”,sappiate che ce l’ha portato in Europa dai suoi viaggi in Cina, il nostrano Marco Polo. Se pensate che Parigi sia la capitale del profumo, non vi sbagliate, ma sappiate che lo è diventata grazie ad un italiano: Renato Bianco, il profumiere di fiducia di Caterina de’Medici andata in sposa a Enrico di Valois. Da qui, la nascita proprio nella Ville Lumiere, di diversi Maitres Parfumeurs, che amavano confezionare le essenze nei pregiati falconi firmati Lalique o Baccarat. Le maison più famose al mondo nei primi’900? In Inghilterra: Floris, Penhaligon, Taylor; a NY Caswell-Massey; a Parigi Creed, Piver, Lubin, Guerlain, Coty, Caron, Roger&Gallet. A presto con altre curiosità sui profumi!

Today I want to talk about perfume … Each of us has her or his favorite: I love “Miss Charming”by Juliette has a gun, but I also like a lot, as I have already told you a few posts ago, “Candy” by Prada, but I want to dedicate this post to the birth and the use of perfumes. Did you know that at the time of the ancient Egyptians, women used to wear on their head a cone of scented fat throughout the day “dripping” literally on the hair and skin to make it soft and fragrant? A perfume lover was Cleopatra, who before her dates with Marco Antonio,  used to scent with her perfume, the sails of her ship. If you love the “musk”scent, you must know who has brought it to Europe from his travels in China: our national Marco Polo. If you think that Paris is the capital of perfume,you are not wrong, but be aware that it has become thanks to the Italian Renato Bianco, the perfumer of confidence of Catherine de ‘Medici, who married Henry of Valois. From here, the very birth in the Ville Lumiere of several Maitres Parfumeurs, who loved to package their essences in precious falcons signed Lalique or Baccarat. The world’s most famous fashion houses at the beginning of ‘900? In England: Floris, Penhaligon, Taylor; in NY , Caswell-Massey; in Paris Creed, Piver, Lubin, Guerlain, Coty, Caron, Roger & Gallet. See you soon to talk about perfumes’ secrets!

scented cone by antique egyptian

scented cones on egypians

cleopatra's ship

lalique

lalique

baccarat

guerlain by baccarat

lalique

guerlain boutique

caswell massey vintage pic

caswell-massey vintage pic

floris boutique

musk by lorenzo villoresi

creed

musk by kiehl's

scent in floris



38 comments

    1. Ps: io devo ancora trovare il mio profumo preferito… Quando ero più piccola, anzi piuttosto piccola, mi piaceva azzurra di azaro( così mi pare si chiamasse)… Ora uso tresor in love e Valentina… Mi piacciono, sono molto buoni ma non mi sono entrati nel cuore…ho letto che per essere perfetto il profumo deve completare il tuo stile…chissà se troverò mai quello giusto…per quanto riguarda i profumi da uomo adoro acqua di gio…a volte la indosso anche mi fa impazzire…:)

  1. per me i profumi di guerlain sono il top
    rimango affezionatissima al mio “idylle”,
    quelli di lalique hanno comunque dei
    meravigliosi contenitori.

  2. …. non solo fashion ma anche history and information, ecco io adoro questi post…. basta con le foto da statua…. magnifico!!! <3

    1. lo adoro!!l’ho scoperto a roma da tad e ora nn lo mollo più!!!!poi lo alterno ad altri se ho voglia di cambiare per un po’ma quello è il mio profumo per la vita!!!!

  3. Ciao Elena! Qualche consiglio per un profumo da uomo? Con l’avvicinarsi del Natale, può essere un relato tradizionale, ma sempre molto utile e gradito….

  4. io prima portavo Hugo quello a forma di borraccia… ma me lo aveva regalato il mio exragazzo e non lo porto più… da allora devo ancora innamorarmi di un altro profumo!
    Questo post è molto bello, ci sono tante cose che non sapevo.. per fortuna però non hai detto che il profumo è stato inventato principalmente per coprire la puzza (l’acqua era un bene di lusso quindi profumo a go go!)! Ma non stava bene con il tono romantico del tuo post!!

    1. è vero, lo è stata e lo è ancora, ma li vengono più che altro prodotte le essenze, poi i maitres profumeur sono tutti a parigi!

  5. Che belli questi post 😉 Le fragranze Creed sono fantastiche, ma anche Kiehl’s non scherza… Per la statistica, profumi preferiti EauParKenzo e Bleu de Chanel!

  6. Grandiosa idea quella di dedicare un post alla storia del profumo! Fra i miei preferiti: Serge Lutens, Etro, Caron, Piguet e Knize, i classici inglesi, Creed, Floris, Penhaligon’s, i nuovi marchi organici, Honoré des Prés, Neom, senza dimenticare ovviamente Lorenzo Villoresi.

  7. Ti confesso che nella città dove vivo c’è un negozietto di profumi davvero suggestivo così qualche volta vado a ficcare il naso…

Post a new comment