Armed and ready:military look.


Quest’inverno, dopo qualche stagione di stand-by, la moda militare ha fatto ritorno sulle passerelle. Questo è un trend che purtroppo, non passerà mai. Perchè dovete sapere che la maggior parte dei trend che si scorgono sulle passerelle, e in particolare il look militare, sono influenzati dal contesto socio-culturale in cui riversa lo stato di alcuni paesi del mondo. Purtroppo, appunto, le guerre, a fasi alterne, saranno sempre presenti nel mondo. Basti pensare al periodo dopo la prima guerra mondiale: gli stilisti misero sul mercato capi con chiari riferimenti al mondo della trincea, tra cui il trench firmato Burberry oppure gli occhiali da aviatore firmati Ray-Ban. Dopo la seconda guerra, nacquero le tute intere chiuse da una cerniera da infilare velocemente sulla biancheria da notte in caso di raid aereo. Poi fu la volta della nascita del parka negli anni ’60, oppure chi può dimenticare negli anni’70\’80 il periodo in cui erano cosi di moda gli anfibi Dr.Martens e i pantaloni mimetici. Nel decennio successivo, durante la Guerra del Golfo, pantaloni militari sono entrati nel guardaroba come alternativa al classico jeans. Ritornando ad oggi, dunque, “rispolveriamo” le camicie verde oliva oppure quel cappotto acquistato anni fa al mercato di Covent Garden: sarete super cool.

This winter, after a few seasons of stand-by, the military fashion has made a comeback on the catwalks. This is a trend that, unfortunately, will never pass. Because, you know, that most of the trends that can be seen on the catwalks, and in particular the military look, are influenced by the socio-cultural context in which pours the status of some countries of the world. Unfortunately, wars  will always be present in the world. Just think about the First World War: the designers put on the market clothes with clear references to the world of the trench, including the Burberry trench or the aviator sunglasses from Ray-Ban. After the War, were born suits closed by a zipper, to quickly put on the nightwear in case of air raid. Then came the birth of the parka in the 60s, and in the  70s/80s who can forget the period when they were so into fashion the Dr.Martens boots and camouflage pants. Over the next decade, during the Gulf War, military trousers entered the wardrobe as an alternative to the classic jeans. Returning to the present, therefore,  “dust off” the olice green shirts  or that coat bought years ago at Covent Garden Market: you’ll be super cool.

moschino

lapo and fiat 500

chloè

gwen stefani

kate middleton

prada

burberry prorsum

balmain

kate middleton

lady diana

italiaindependent sunglasses



18 comments

  1. ei interessante le tue a cerniera o meglio a bottoni da infilare e sfilare in caso di attacco di aereo da guerra da caccia bombardieri la guerra può sempre scattare e si deve essere pronti in allerta per entrare in azione difesa e attacco senza perdre tempo a azioni inutili guerra battaglia no limiz senza confini

  2. Ciao Elena….non mi fa impazzire la moda militare…peró ci sono delle giacche o cappotti a doppio petto che hanno un taglio pazzesco…guarda la kate come sta bene con quel cappottino….

  3. Ciao Ele! A me non è mai piaciuto più di tanto lo stile militare. comincio ad apprezzarlo adesso! Mia madre lo ha sempre portato tantissimo e ancora lo porta (il suo must di quest’estate: pantaloni militari canotta gialla, mia madre è il top!!!). Devo capire come indossarlo!! Prenderà spunto da lei e da te! Un beso!!!

  4. Anch’io non sono mai stata una grande amante dei capi mimetici..però il colore vede oliva (a tinta unita!) mi piace un sacco!!! 🙂 e poi anch’io adoro i cappotti a doppio petto con i bottoni oro! <3
    bellissimi i pantaloni con i bottoni ai lati e quelli di chloè!delle giacche invece mi piace un sacco il capotto verde militare dal taglio particolare..e la giaccia più corta (indossata dalla modella asiatica!)
    P.s.: ma gli occhiali italian independent cambiano colore?!?figo 🙂

    1. beh, si …in un certo senso sembra essere appena usciti dalla trincea….però un pezzo mixato con le cose giuste non è male!

    1. è di “facile”comprensione, può essere super elegante ma altrettanto facilemente può cadere nel tamarro….sta a noi abbinarlo nel modo migliore!

Post a new comment